News

news
08 gen 2019

LA LENTEZZA E LA SICUREZZA DI UN SITO E-COMMERCE FA PERDERE I CLIENTI

La lentezza e la sicurezza di un sito e-commerce fa perdere i clienti

Nel nostro articolo “E-COMMERCE: La carta vincente delle aziende di oggi e di domani” vi avevamo parlato di come oggi avere un sito di vendita online sia fondamentale per le aziende commerciali italiane. Avere, tuttavia, un sito di e-commerce non basta. È necessario che soddisfi due requisiti fondamentali: velocità e sicurezza, infatti le nuove generazioni ormai rappresentano una parte importante degli acquirenti attivi e l'esperienza che si aspettano nel momento in cui entrano su una pagina per l'acquisto di un prodotto è alla pari a quella con cui si interfacciano con app, social e giochi a cui sono abituati. Purtroppo non è sempre così.

Si stima che un ritardo di 2 secondi nel caricamento della pagina aumenti del 103% il bounce rate, ovvero la probabilità che le persone vedano solo una pagina di quel sito, e del 53% la probabilità che le persone escano dall’acquisto se il caricamento è più di 3 secondi. L'analisi delle attività dei siti di aziende e-commerce dimostra che addirittura un ritardo di soli 100 millisecondi possa influire sul cliente, e di conseguenza sul fatturato. Le piattaforme e-commerce sono quindi molto esigenti per quanto riguarda la velocità, ma lo sono anche per quanto riguarda la sicurezza. E questo è un altro tema molto interessante su cui indagare. Oggi una gran parte del traffico internet è fatta da bot (cioè un programma che accede alla rete attraverso lo stesso tipo di canali utilizzati dagli utenti umani) e tra non molto tempo questa porzione arriverà a superare il 50%. I dati dicono che oggi il 40% dei tentativi di accesso agli account è fatto da bot dannosi che cercano di infettare i siti. Questi tentativi caricano i server di richieste e rallentano anche i clienti reali. Inoltre rappresentano un vero e proprio pericolo di sicurezza. Una parte consistente del lavoro per aziende è dunque quello di filtrare il traffico, cercano di distinguere tra clienti veri da bot dannosi. Vediamo ad esempio come opera uno di questi agenti automatici. Quando entrate nella procedura di prenotazione di una qualsiasi struttura, la stanza viene bloccata per un po' di tempo, per permettere di completare la procedura di prenotazione anche in caso di connessioni lente. Se un bot dannoso entra nella piattaforma di prenotazione e apre continuamente una procedura di prenotazione per tutti i posti disponibili rendendo impossibile la prenotazione da parte di altri utenti. Se questo accadesse frequentemente è probabile che i clienti si rivolgano altrove per prenotare e quindi le aziende ci perderebbero. Inoltre Google negli ultimi mesi predilige i siti certificati da un certificato SSL (distinguibile dagli altri siti per la dicitura HTTPS presente davanti al nome del sito offrendogli una posizione migliore nei risultati rispetto a quelli senza certificato).

Anche per questo 2019, quindi, velocità e sicurezza rimangono caratteristiche dei siti e-commerce, e non solo! Se desideri una consulenza per migliorare o realizzare il tuo sito di vendita on-line, i tecnici GestApp sapranno consigliarti la soluzione migliore.

 

Condividi sulle tue piattaforme: